Morgan da Red Ronnie, una sintesi

ieri sera per la punta del Barone Rosso di Red Ronnie c’era ospite Marco Morgan Castoldi, che per semplicità chiamerò Marco. ora, come Ronnie ha ripetuto diverse volte, Marco era allo stato brado. impossibile da contenere; saltava, cantava, parlava, faceva domande e si rispondeva da solo. uno spettacolo, senza alcuna ironia, che è difficile rivedere sui canali normali, e infatti ce lo siamo guardati su youtube (indiretta). con loro una giovane e talentuosa musicista di nome Nyvinne.

Marco è reduce da una battaglia legale con la moglie che pare volergli prendergli la casa, perché lui non pagherebbe gli alimenti alla figlia. lui (non so se le due cose sono collegate) sta mettendo all’asta i propri oggetti, vestiti, strumenti, biglietti e altro su ebay (ne ho già parlato qui).

ieri sera, vi prego guardatevi la puntata, l’argomento era che qualsiasi oggetto toccava Marco sarebbe finito all’asta. ha anche raccontato di un vestito fatto da Missoni per lui, con la stoffa degli asciugamani che Missoni aveva in bagno. insomma una puntata speciale. un po’ ossessiva e nervosa,  ma comunque che vale la pena vedere.

Ronnie rimane sempre il migliore per ospitare i musicisti. è ancora l’unico in grado di dare loro uno spazio libero, infinito e tranquillo. nelle sue trasmissioni i cantanti non sono degli riempi buchi o fatti per i concorsi telefonici (tipo a mattina in famiglia) ma hanno dignità. se si riesce a accettare un suo taglio/accento un po’ paternalista, soprattutto con i giovani, la trasmissione è piacevole.

https://youtu.be/AC19stB51uE

tra una canzone e un’invettiva e l’altra, sono uscite un paio di perle. una che dopo l’esclusione da sanremo, Marco sarebbe andato da Baglioni a chiedergli spiegazioni, confrontando se stesso con Facchinetti. Marco ha ripetuto diverse volte ‘sta cosa come un mantra alla Sgarbi. e poi sarebbe uscito il prossimo vincitore di sanremo cioè fabrizio moro (ripetuto diverse volte da Red Ronnie). in quel momento, dal mio divano, ho detto: chi è fabrizio moro?

la mia serata si è conclusa con la telefonata tra Marco e Andy, suo compagno nei blu vertigo. poi non ho capito più nulla; Marco aveva ancora troppa energia per le mie forze e sono andato a letto.

Matt Thorne: recensione della mostra My Name Is Prince di Londra

La mostra di Londra intitolata My Name si Prince è finita. Dall’8 marzo si sposterà ad Amsterdam. Non so se cambieranno gli oggetti o la disposizione, in ogni caso mi sembra utile leggere questa recensione di Matt Thorne dell’edizione londinese.

In Olanda i biglietti vanno da 17 euro a 50 euro per il VIP tour. Il VIP tour comprende: l’entrata alla mostra (ovviamente), una stanza esclusiva con oggetti non in mostra per i comuni mortali, la possibilità di tenere tra le mani una chitarra acustica di Prince, fare una foto e un libro di foto di 54 pagine.

Per avere maggiori informazioni sulla mostra di Amsterdam è disponibile il sito mynameisprince.amsterdam. Ricordo che potete leggere la mia intervista a Matt Thorne qui.

Alla fine della sua vita la pop star Prince era un uomo molto religioso, anche se le sue specifiche credenze si erano sviluppate nel corso della sua vita. Nato in una famiglia praticanti di Avventisti del Settimo giorno, trascorreva il  suo tempo nella chiesa del quartiere; ciò gli diede l’interesse negli studi biblici che hanno formato la sua vita e il suo lavoro. Alla fine decise di diventare un Testimone di Geova.

Embed from Getty Images

Sin dalla sua morte nel 2016, i membri della sua famiglia sembrano avere lottato per trovare la maniera migliore per celebrare la sua eredità. La reputazione di Prince lo descrive come mai fermo nel pubblicare la sua musica, ma anche nel fatto di avere pubblicato solo una frazione della sua produzione, con migliaia di canzoni, registrazioni dal vivo, video e film interi reclusi nel suo famoso archivio, che se gestito con attenzione darebbe materiale per tutta una vita.

Eppure fino adesso, tutto ciò che è uscito è una versione più lunga del suo album più famoso, Purple Rain. La famiglia di Prince ha deciso di seguire le orme di Elvis, trasformando lo studio di Prince, Paisley Park, in un’altra Graceland. Ora, My Name Is Prince, la nuova mostra con gli oggetti di Prince, è all’O2 di Londra, dove Prince suonò per 21 sere, condite da 14 aftershow nel 2009.

Howard Bloom, storico di Prince e in precedenza esperto delle pubbliche relazioni, che di recente ha pubblicato l’immenso “How I Accidentally Started the Sixties” (Come ho fatto iniziare gli anni sessanta per caso), ritiene che questo è ciò che Prince ha sempre voluto. “Anche se avrebbe voluto che fosse fatto con seduzione, sorpresa e stile”, mi ha detto. “Prince ha lavorato per attirare l’attenzione del suo pubblico ogni giorno della sua vita.”

Embed from Getty Images
Ho dei sentimenti contrastanti riguardo alla mostra. Mentre ci sono indubbiamente cose interessanti, non sono del tutto sicuro che sia stato ben curato quel senso di seduzione, sorpresa e stile. Prima le cose buone: gli abiti e le scarpe di Prince sono così ben presentati che anche i fan più attenti alla produzione musicale di Prince, invece che al suo guardaroba, capiranno quale sia stata una parte importante dei suoi costumi nelle sue performance e produzioni. Sebbene a volte Prince indossasse abiti firmati, in genere aveva i suoi abiti fatti in casa da un team specializzato di sarti. I manager che firmavano gli assegni possono avere occasionalmente messo in dubbio questa indulgenza spendacciona, ma hanno davvero apportato un elemento aggiuntivo agli spettacoli dal vivo. Prince si presentava ai suoi sarti con concetti complessi, che loro avrebbero fatto diventare realtà. Visto da vicino, la gamma di idee mostrate nei suoi vestiti è affascinante, quasi quanto quella della musica.

Ma lo spettacolo è rovinato dai pannelli in mostra; una chitarra dell’epoca in cui stava scrivendo musica per il film di Tim Burton, Batman, è anacronisticamente descritta come “steampunk”, e la collezione è raggruppata in modo inimmaginabile attorno a giganteschi ingrandimenti di copertine di album. Parte del fascino duraturo del lavoro di Prince è che ha resistito a questa sorta di tassonomia cronologica, poiché lavorava quasi sempre su molti progetti contemporaneamente.

Embed from Getty Images

Un problema più serio è che la parte più affascinante della mostra – i quaderni in cui Prince ha scritto testi e note scarabocchiate su progetti cinematografici – è nascosta sotto vetro e in mostra c’è solo il minimo indispensabile. Per ulteriori trenta sterline, i visitatori possono indossare guanti bianchi e tenere la chitarra di Prince per cinque secondi. Avrei pagato molto di più per indossare i guanti e guardare nel dettaglio questi quaderni. Ho passato sette anni a scrivere un libro su Prince e anche solo le poche pagine di questi libri in mostra rivelano cose che nemmeno i suoi più stretti collaboratori hanno potuto dirmi.

Nel bookshop, tre libri rilegati sulle chitarre di Prince, la moda del cantante e lo studio di Paisley Park – con un testo della scrittrice di musica di Minneapolis e della radio DJ Andrea Swanson – giustificano il loro costo di trentacinque sterline. Ma un facsimile di uno solo di questi quaderni scritti da Prince sarebbe, al confronto, inestimabile. Forse questo deve ancora avvenire; se no, l’opportunità mancata è grande.

C’è sempre il pericolo di produrre dei falsi idoli dalle pop star, e c’è qualcosa nel trattare i pantaloni e gli stivali di un uomo come sacre reliquie che potrebbe sembrare discutibile, se non fosse per la costante insistenza di Prince nel dire che se i fan volessero adorare qualcuno dovrebbero rivolgersi a Dio piuttosto che lui. A parte il suo ego e dei suoi talenti superumani (era in grado di passare  lunghi periodi senza dormire, mangiare e persino, confessò, bere acqua e non si sa se questo stile di vita abbia contribuito o meno alla sua morte precoce), Prince era anche un uomo umile al quale non piaceva altro che parlare ai suoi fan della Bibbia. A volte si preoccupava di essere un “uomo sciocco” che non capiva come funziona la religione. Più tardi ha trovato i ministri per guidarlo con domande spirituali. Mentre Prince vivo non era mai stato così interessato al suo passato; speriamo di approfittarne, la sua famiglia può preparare un futuro più appropriato.

Leggi la mia intervista a Matt Thorne qui.

Due parole sul libro di Rudy Giorgio Panizzi “A volte nevica in aprile”

Ho letto con piacere il libro di Rudy Giorgio Panizzi “A volte nevica in aprile”. Quella che leggete di seguito e’ l’opinione di un altro fan di Prince, cioe’ la mia, che non definirei una recensione.

Il libro e’ la storia di un ragazzo italiano, che negli anni 80, 90 e oltre, trascorreva le proprie giornate affiancato nella musica e nel look da un cantante afroamericano, lontano migliaia di miglia. Il libro inizia piano e, devo dire la verita’, nelle prime pagine non sembra meritare il prezzo della copertina. Scorrendolo, invece, si viene conquistati da Rudy e della sua battaglia per Prince in un Italia disinteressata. Inoltre, farà di tutto per assomigliare fisicamente al suo idolo; il libro sembra sfociare in una sorta di auto-terapia che permetterà a Rudy di diventare, ora che Prince non c`e` piu’, se stesso. Nel tempo, le cose cambieranno e il libro diverte, forse in maniera involontaria; ci sono un paio di aneddoti che sembrano sbucare dalla penna di un autore di sit-com.

L’interesse per l’estetica del personaggio Prince e le sue conseguenze sono la parte piu’ interessante del libro. Trovo invece che Rudy si avventuri in un percorso impervio quando vuole affrontare criticamente la musica, forse per mancanza di strumenti retorici e culturali adeguati (che neppure io ho).

Il libro e’, in conclusione, piacevole da leggere, perche’ integra cio’ che sappiamo di Prince con altri piccoli aneddoti. Come mi diceva Matt nell’intervista di qualche tempo fa, la storia di un artista viene scritta sia dall’artista stesso, ma anche dai critici e dai suoi fan. Il libro di Rudy contiene un bel pezzo della storia italiana di Prince.

Prince – A volte nevica in aprile

Acquista il libro qui: http://amzn.to/2D4gWPd

Fine 2017 Inizia il 2018: due righe

Nel mese di gennaio ero partito bene con il mio blog; volevo mostrare come funzionavo internamente e per la prima volta ho pubblicato un brano proveniente dalla mia Cantina, che se fossi stato un americano come Prince l’avrei chiamato il Vault. A proposito di Prince, Italian Jam ha sempre nel cuore il musicista di Minneapolis e infatti ci sono un buon numero di articoli a lui dedicati. Purtroppo però nella famiglia di Prince, il 2017 è stato un altro anno che ci ha portato via un grande musicista. John Blackwell. Nel 2017 mi sono lanciato nelle interviste; ad agosto la madre di tutte le chiacchierate all’autore della migliore biografia su Prince cioè Matt Thorne.  Il 2017 è stato anche l’anno delle mostre d’arte recensite. A partire da Keith Haring, forse la migliore dell’anno, poi Kandinskji al Mudec.

Nel 2018 vorrei parlare sempre di più di songwriting, cioè dell’arte di scrivere canzoni; nel 2017 mi è piaciuto dare qualche suggerimento con “come vincere la crisi del foglio bianco”  oppure l’analisi della musica di Lorde. Anche la bella intervista a Jenni la cantautrice mantovana è densa di suggerimenti molto interessanti. Nel frattempo, sto scoprendo il piacere del vinile, pubblicando (anche su instagram) le foto e le recensioni di dischi che possiedo, come Sono Solo Canzonette di Bennato, Jazz dei Queen e Live in USA della PFM. Per quanto riguarda la mia musica su Youtube potete vedere il mio primo video. Si tratta della versione acustica del brano “E’ Già Mattina”, illustrato, come al solito, dai disegni di Veci. Fino ad oggi ha, come dire, misteriosamente avuto 93 visioni.

Cosa ho imparato da questo 2017?  L’autenticità. Non fatevi ingannare dai social, da ‘sti cazzo di influencer che tra 5 saranno spariti o dai talent della televisione (altri luoghi dove si producono solo giovani vecchi). Qualsiasi lavoro facciate concentratevi sull’autenticità. Siate sempre voi stessi, anche nel prodotto che fate. L’ha detto uno con i controcoglioni come Bob Lefsetz.

Nello stile dell’ebook che sta distribuendo gratuitamente Good Morning Italia, ho pensato che fosse interessante rivedere il 2017 e fare due o tre ipotesi per il 2018. Nelle classifiche il 2017 è stato l’anno di Ed Sheeran, di J-Ax e Fedez e di Despacito. È stato anche l’anno del sindacalista Gabbani e la sua Occidentali’s Karma, che a ridosso di Sanremo era primo tra i singoli. Internazionale.it ha elencato i migliori album italiani e stranieri del 2017. Il 2018 che ci aspetta sarà segnato dal solito Sanremo, che quest’anno pare essere destinato a un successo senza precedenti, con Baglioni alla regia, tre quinti dei Pooh formato XXL e una folta truppa di scappati dalle case dei talent, mentre tra i giovani candidati alle nuove proposte ho sentito le canzoni più brutte degli ultimi 10 anni. Ci sono altri appuntamenti, per fortuna, che tornano regolamente come i Proms della BBC a Londra. Qui per vedere i 20 momenti da ricordare dell’edizione del 2017. Poiché qui parlo ogni tanto di cinema, ecco i 13 film sottovalutati nel 2017 secondo Variety. Oppure i 10 da rivedere secondo Artlife. E i 10 migliori. Mentre per quanto riguarda la fotografia, qui le 17 più popolari dell’account di Instagram di Worldphoto. Per il resto, All Music già inizia a elencare le uscite italiane previste nel 2018. Naturalmente, ci sarà tanta musica già sentita, rivista e corretta. Bennato, per esempio, pubblicherà un Burattino Senza Fili Legacy Edition, mentre Giorgia e Carmen Consoli usciranno con due live. Sul piano internazionale, o americano, NME fa un po’ di ipotesi per il 2018 come il nuovo album di Jack White, di Craig David, mentre wikipedia ha una pagina dedicata. Mentre pare che la prossima stagione della Scala sarà inaugurata con Verdi. Una sicurezza nella vita c’è: Mariah Carey che tutti i natali torna in classifica con la sua All I Want For Christmas Is You (‘sta settimana è al decimo posto).

Difficile prevedere cosa accadrà nel futuro della musica. Il blog Ornitorinco Nano c’ha provato con “28 Tesi Sulla Musica Del Futuro (Tutte Da Dimostrare)” , articolo per verità nel 2016. L’articolo (giustamente) fa l’apologia delle playlist. Noi, inteso come autori, prepariamoci a produrre sempre più singoli. Questo articolo (del 2015) invece fa 5 ipotesi per il business musicale, provenienti da chi ci lavora nel music biz. Per esempio, Don Gorder della Berklee College of Music dice che “the vast majority of musicians will have to achieve success on their own” che tradotto significa che la maggioranza dei musicisti raggiungerà il successo con le proprie forze. A lui questo fa piacere perché la Berklee organizza ottimi corsi, anche online, per musicisti solitari. Altre previsioni interessanti in questo articolo: 10 Ways Music Will Change in 2017. Qui si dice che la musica sarà sempre più esperienziale (traduzione un po’ rough…). Per chiarire: pare che nel 2016 la Heineken  aveva pubblicato un piano per una campagna chiamata “Takeover”, che avrebbe permesso a chi indossava delle wrist-bands, cioè i braccialetti, con il maschio Heineken di controllare la musica dei DJ ai festival. Interessante, vero? Infine, un articolo dedicato a chi farà il creativo. Anche il musicista. Secondo questo articolo di Todd Brison intitolato “Creative People Won’t Survive the Future Without Doing These 3 Things” (cioè “le persone creative non sopravviveranno in futuro se non faranno queste 3 cose”) le 3 regole sono: “Build your ideal environment to create” (costruisciti il tuo ambiente ideale per creare), “Find and solve problems” (trova e risolvi problemi) e “Sell your art” (vendi la tua arte).

A proposito di Prince

Eccolo il capitolo dedicato a Prince. Per me è un po’ come ripartire dalle basi. Un ottimo regalo è stato il libro fotografico di Afshin Shahidi intitolato “a private view”. non è il primo libro che è uscito dopo il 21 aprile, ma questo mi sembra quello fatto con più cura. Se lo volete acquistare, il link lo trovate qui a fianco. e se lo acquistate attraverso questo link date una mano anche al mio sito. Prince mi ha portato anche una grande amicizia, il pittore e musicista Mark Balma. L’abbiamo conosciuto un anno fa Minneapolis. Siamo tornati quest’anno e lui ha prodotto un nostro brano. Per uno come me che nella vita ha fatto collezione di no è stato un risultato insperato. Esaltante.

Sono un uomo che ha visto internet negli anni novanta. non era un luogo di culto, non era un luogo di riassunti, non era un luogo di discussioni. Ci serviva per scappare di casa, a noi nerd. Il tuo corpo era fermo,  ma vivevi in una realtà parallela. Internet dava una sensazione irreale. Ora internet è un protesi della realtà. anzi la realtà è una protesi di internet. Le cose rimbalzano e anche se non te ne frega nulla, ma devi dire la tua così fai parte del flusso. Poi arrivo quallo che internet l’ha ucciso nella culla per difendere il digitale terrestre. Che coraggio. come ogni settembre avrei voluto partire con un nuovo taglio per questo luogo, ma la scelta migliore è uscire dal passato. Uscire da facebook e dai suoi “mi piace”. Uscire da twitter e dai suoi follow me follow you. E’ il caso di pubblicare le proprie foto sui social network? girando un po’ di siti, di pagine, di facebook, sembra che oramai non ci esista più alcun remora nel pubblicare le proprie foto o quelle dei propri figli su internet. Arrivo da un internet degli anni 90. non credevo fosse necessario rappresentare se stessi sulla rete, ma piuttosto una rappresentazione della personalità, anche alternativa alla realtà. Mostrarmi in pubblico mi rende nudo? Mi rende leggibile? E mi sento troppo scoperto?

C’è questa canzone che arriva dal 1998. si chiama “l’ultima canzone”. l’ho scritta alla fine di una storia. una storia che era iniziata nella mia testa e nella mia testa è finita.

Bruno Bacelli: Scrivere dei Contrasti di Milano

Da poco è uscito il nuovo libro di Bruno Bacelli e si chiama “Autostrada Gialla”, scritto questa volta con Cristina Donati. Mi piace leggere il libri di Bruno, chè sono sempre ben scritti e originali nelle trame e nei personaggi. Su Amazon sono presenti altri due libri di Bruno: Nove guerrieri e Khaibit – Il Giorno del Giudizio, l’opera più importante. Bruno è anche l’autore del blog Mondi Immaginari un’istituzione per quanto riguarda le recensioni di libri e film fantasy, di fantascienza. Conosco da un po’ Bruno e l’uscita del suo nuovo libro scritto questa volta in coppia con un’autrice è stata l’occasione per fargli qualche domanda.

Prima di tutto il tuo blog: se non sbaglio ha compiuto 10 anni, come hai festeggiato? Dopo 10 anni che considerazioni puoi fare?

Non ho festeggiato, in verità, la scadenza è trascorsa addirittura senza che me ne accorgessi, in un post ho però sottolineato che si tratta pur sempre di un traguardo. Ma molta acqua è passata sotto i ponti e non so nemmeno se un blog sia la maniera migliore di raggiungere il pubblico, oggi.

Appunto. Rispetto a 10 anni fa quali differenze ci sono? A me sembra, per esempio, che i blog non siano più il centro del mondo come era allora. Ora dobbiamo per forza passare dai social per attirare la cosiddetta conversazione.

Il problema è che l’interazione dei social network è così limitata e di bassa qualità che non la potrei proprio definire un valido sostituto. Ma, purtroppo, a questo io non ho una soluzione, e mi tengo il mio blog.

Finito il 2017. Uno libro e un film che hai apprezzato nell’anno.

Il film è senz’altro BR2049, ovvero il nuovo Blade Runner. Una volta concessa la verità più ovvia, ovvero il fatto che la sfida di dare un seguito a un capolavoro del genere è fin troppo disperata, l’ho trovato visivamente affascinante e ricco di spunti di riflessione. Il libro del 2017 in effetti è una serie, che mi ripromettevo di leggere da tempo. Parlo dell’Invasione di Turtledove, un affresco di fantascienza un po’ vecchio stile ma gradevolissimo, almeno fin dove l’ispirazione dell’autore ha retto.

Anche me è piaciuto Blade Runner 2049. Invece mi dici il personaggio di un film o di un libro che hai sempre amato? A prescindere dal 2017.

Difficile dirlo. Inevitabilmente sono attratto dai personaggi malvagi o discutibili, anche se vorrei la vittoria del “bene,” a saperlo trovare. Uno che non era certo buono, ma aveva le sue ragioni, è l’antagonista dell’originale Blade Runner, Roy Batty, nella splendida interpretazione di Rutger Hauer. Un attore che forse non ha avuto tutto il successo che avrebbe meritato.

E un libro o un film che ha avuto successo ma che tu ritieni immeritato, che non ti è piaciuto?

Be’, ogni anno esce un film della saga di Star Wars… A dire il vero la puntata di quest’anno non è una delle peggiori ma questa franchise mi sembra sopravvalutata. Io però devo ammettere che continuo a vederli, qualche volta in sala, qualche volta no.

È appena uscito il tuo libro “Autostrada Gialla”, che hai scritto con Cristina Donati. L’ho letto e mi è piaciuta l’ambientazione milanese. Come nel tuo precedente Khaibit. Qual è il lato misterioso (se c’è) che ti attira di Milano?

Milano è un posto così prosaico, ma anche una delle poche città moderne del nostro paese. Più che il mistero mi attira il contrasto che può creare. Milano contesa tra un eroe disperato e un male antichissimo, Milano che scompare travolta dalla pestilenza, è così difficile crederci, e quindi è una sfida ancora maggiore.

Come ti immagini la Milano del 2100? Prevarrà ancora la modernità?

Spero di sì anche se il nostro paese rimane sempre più indietro. Ma la modernità che sta arrivando sarà fatta di grandissime disuguaglianze.

Disuguaglianze in una società fatta di caste? O quartieri separati? Come sarà? 

Io ho immaginato una società divisa fisicamente. Chissà se ce la farò anche a scriverne.

Pregi dello scrivere un libro in coppia?

Ho fatto una fatica enorme e ci sono state tutte le difficoltà e le incomprensioni che ci potevano essere, e una serie di disavventure personali che non sto a descrivere, ma non escludo di farlo di nuovo. Un altro punto di vista può essere un grosso aiuto.

Cosa farai di diverso nel 2018?

Spero di scrivere di più.

Libri o post del blog?

Certamente libri. Sarebbe bello però rendere più vivace anche il blog.

E Khaibit 2?

Chi lo sa. Di trame ne avevo studiate un paio, stavo quasi per mettermici, ma non ho trovato l’ispirazione. Khaibit è la mia più grande storia, forse, che abbia visto la luce. Ma la posta in gioco della sfida descritta in quel libro è così alta che proporre un seguito convincente è molto, molto difficile.

Quando inizi a scrivere arriva prima la storia o i personaggi?

Può essere l’una o l’altra cosa, ma una forte visione dei personaggi, con il loro aspetto, il figurarsi i loro dialoghi, si collega fin dall’inizio al mio processo creativo.

Esiste un genere letterario che non hai mai affrontato con un tuo libro ma che ti attira? 

Una narrativa strettamente militare, come potrebbe essere Fanteria dello Spazio di Heinlein.

Cosa si potrebbe fare in Italia per avere più lettori?

Penso che lo scarso amore per la lettura da parte degli Italiani, potremmo talvolta parlare di odio vero e proprio, derivi da problemi economici e storture sociali così profondi da escludere qualsiasi speranza di risolverlo con soluzioni estemporanee.

Non mi hai parlato di libri di autori italiani, come mai? Come sta la narrativa italiana

Non sono un grande osservatore anche se, ovviamente, di italiani leggo qualcosa. Talenti ce ne sono. Mancano i lettori, purtroppo.

Vinile: Diana di Diana Ross


il vinile di Diana Ross del 1980, prodotto da Nile Rodgers e Bernard Edwards degli Chic e l’occasione giusta per ricordare quelle accoppiate tra produttori e cantanti di alto livello, tipo Michael Jackson e Quincy Jones o Janet Jackson con Jimmy Jam e Terry Lewis. Diana è album disco. Una produzione scarna, nel senso di semplice, basata sulle voci, una solida batteria e le chitarre. Non ci sono apprezzabili interventi di synth o di fiati. Almeno 3 i brani che spiccano da questo album: I’m Coming Out, My Old Piano e Upside Down.

Morgan non c’è più?

già mi è capitato di parlare di Morgan. il musicista brianzolo, mi perdonerà per la definizione, è senza dubbio uno dei personaggi più dotati di questo secolo. è il genio in tutte le sue sfaccettature. ora se n’è inventata un’altra. Marco Castoldi ha pubblicato su facebook il seguente annuncio:

l’idea di morire artisticamente non è proprio originale, ma può avere il suo effetto: come già detto qui altre volte, la morte è il più forte strumento di marketing che l’uomo conosca; appena muore un musicista (o un attore, o un regista o quelchevoletevoi) noi tutti come un branco di pirla andiamo alla ricerca di questo e quello per acquistarne un pezzo della memoria.

Morgan tenta questa strada mettendo all’asta alcuni oggetti di sua proprietà. il tutto lo trovate su ebay a questo link. in questo momento ci sono un 45 giri dei Black Sabbath, una maglia di ferro, un sintetizzatore e un manoscritto del testo “altre forme di vita” scritto su carta Castoldi Salotti. forse quest’ultimo rappresenta l’oggetto più interessante. e le cifre non sono neppure altissime.

da parte mia, invito Marco a farmi un fischio che magari gli produco un album nuovo e viene fuori qualcosa di buono.

Jenni Gandolfi: Scrivere Canzoni Per Lasciare Un Segno

Di gente che fa musica ce n’è tanta in giro, ma sono pochi quelli che scrivono qualcosa di nuovo. Girando per internet mi è arrivata questa notizia dalla Gazzetta di Mantova “Jenni è “Come l’acqua” Un album 10 anni dopo”. Si parla di Jenni Gandolfi. Lei una cantautrice ed è mantovana, due buoni motivi per ascoltare cos’ha da dire. Così ho visto il suo sito jennigandolfi.com e ho scritto a Jenni che è stata cortese dal dedicarmi qualche momento per rispondere alle mie domande.

Mi sono ascoltato bene il tuo disco e mi è piaciuto tantissimo. Soprattutto perché è tutto bello suonato, dall’inizio alla fine. Racconti delle storie quotidiane. Hai anche una certa schiettezza nei testi che mi piace molto.

Scrivo tutto io: testo e musica. Ho iniziato studiando il sax contralto, poi da autodidatta il pianoforte, che era il mio sogno. Ora compongo principalmente al piano, alcune volte alla chitarra.

Com’è il tuo processo creativo?

Quando mi arriva un’idea in testa la devo scrivere, la devo registrare immediatamente. Generalmente di notte oppure la mattina presto. Mi martella finchè non l’ho messa su carta.

Cosa fai in quel caso? Ti metti al pianoforte? Registri qualcosa?

Corro al piano, la registro su cellulare o iPad e butto giù un testo sulla carta. La maggior parte delle volte rimango sul brano fino a quando non l’ho finito. Non ci crederai mai, ma un giorno ho scritto 3 canzoni, una dietro l’altra.

È qualcosa che è finito nell’ultimo disco o in quello prima?

Non ancora. Perché i brani che ho raccolto nell’ultimo disco sono nati da tre o quattro anni a questa parte.

Come continua il tuo processo creativo?

Come gli ultimi brani nati, di cui ti parlavo prima, anche quelli dell’album “Come l’acqua” sono arrivati grazie all’ispirazione del momento. Poi si lavora sull’arrangiamento, che è un discorso importante poiché non mi piace come sono arrangiati i brani nella discografia contemporanea italiana. È un mercato impossibile.

Cosa intendi con mercato impossibile?

I miei brani possono essere arrangiati in qualsiasi maniera, pop, rock, ecc, ma a me non piace come la discografia italiana tende ad utilizzare arrangiamenti che inseguono una sorta di stile moderno, come sappiamo bene le mode cavalcano una stagione. Un brano pop il giorno dopo è già dimenticato, perché ne arriva un altro che lo sostituisce. Preferisco utilizzare degli strumenti standard, che non tramonteranno mai: chitarra, banjo, violino e contrabbasso, che non hanno neppure bisogno, volendo, di amplificazione. Strumenti che hanno fatto la storia della musica. Il mio obiettivo è che questo lavoro venga apprezzato nella sua semplicità e rimanga nel tempo. La stessa cosa vale per i testi delle mie canzoni, vorrei che la gente ascoltasse, inoltre, ciò che ho da dire e che riflettesse sui temi che tratto.

Fantastico. Ascoltando la tua musica si sente proprio questa voglia di lasciare un segno: i brani, i testi, le melodie, le armonie, non ultimi gli strumenti che utilizzate per registrare i brani trasmettono questo senso di voler rimanere. Nell’arrangiamento spesso la tua linea melodica è accompagnata dal violino. È una cosa inusuale nella musica pop ed è una cosa interessante.

Il violino riprende gli arrangiamenti country e bluegrass ai quali ci siamo ispirati per questo lavoro. Nella musica non c’è un modo giusto di fare le cose; l’artista dona la propria anima, fa quello che si sente. Può capitare che invece non vada così, soprattutto per chi è solo autore e scrive le canzoni a tavolino per inseguire il mercato. Per utilizzare un esempio, spaziando anche nell’altra mia grande passione, la pittura, mi sono stati commisionati a volte dei quadri, dove mi richiedevano di mettere il sole in alto a destra, lo sfondo di un certo colore. A quel punto io prendo la tela e la do a chi mi ha commissionato il dipinto e gli dico: fattelo tu. Mi si può suggerire un tema , ma i dettagli sono i miei anche nella mia musica e mi devo sentire libera di lavorare come preferisco. Ciò che non riguarda il sentimento reale, per me non esiste, si tratta di bugie che si vogliono raccontare per fare audience con i brani costruiti a tavolino. Non è per artisti veri ma per gli operai di una catena di montaggio.

C’è qualcuno che salvi tra i cantautori?

Salvo tutti i cantautori. Non salvo gli autori che seguono il mercato che decidono le multinazionali, con tutto il rispetto per coloro che scrivono bene, o che fanno belle melodie.

A Sanremo una è la copia dell’altra. Una cosa che volevo chiederti riguarda i tuoi testi e l’essere vicina alla realtà. Prendendo come esempio il tuo ultimo lavoro, ho notato che ci sono alcuni brani che sono davvero delle storie. Quando mi hai detto di essere una pittrice ho ritrovato la stessa filosofia. Alcuni brani sono dei ritratti. Per esempio La Lotteria è un bel ritratto di amiche e colleghe che lavorano assieme e, come tutti noi, sognano di vincere la fortuna per scappare dalla quotidianità. Anche Le Malelingue. Raccontami di queste storie che racconti. 

Sono storie vere, storie che ho vissuto io o che mi sono state racconte di chi ha sofferto. Ho un debole per i deboli, come diceva anche De Andrè. Sono cresciuta in questo modo. Capisco i loro sentimenti e anche quando fanno degli errori, cerco sempre di raccontare lo spiraglio di luce.

Le Malelingue, sia come testo che come melodia è ispirata da De Andrè. È un omaggio?

Amo alla follia De Andrè. È chiaro che fa parte del mio percorso artistico. Come insegnante di canto ho messo in piedi un paio di spettacoli con la sua musica. Le Malelingue non è stato un omaggio, perché non ho voluto scrivere un brano simile ai suoi, è venuto così. Sono stata ispirata, per il testo, dalle persone che, in ogni piccolo paese, non si fanno i fatti propri.

È una storia che ti riguarda questa?

In parte il brano è ispirato alla mia storia, in parte dalle vite delle persone prese di mira nei piccoli paesi come quello dove sono cresciuta io. Per quanto riguarda le melodie, per raccontare un evento non c’è bisogno di un ritornello che esploda. È sufficiente un racconto che parli della storia che hai in mente. Anzi se hai un ritornello che spacca è peggio, perché la melodia, più delle parole, può rimane maggiormente nella testa di chi ti ascolta,  a me , invece, interessa che le persone capiscano il significato delle mie parole.

Lo scrivere canzoni ha un aspetto terapeutico?

Assolutamente Sì. Ti racconto una storia di tanti anni fa, della ragazzina di 15 anni e il primo amore: si era innamorata di un ragazzo che i genitori non volevano. Nulla di importante, ma ogni tanto mi fermo a pensare: se quella ragazzina fosse rimasta con lui come sarebbe andata la mia vita? E ogni tanto questa cosa tornava, rimanendo nel cuore come una porta che non si è mai chiusa, finchè, finalmente, un giorno ho scritto una canzone accompagnata da un fiume di lacrime che hanno chiuso finalmente il libro. Lo stesso mi è successo con una cara amica. La canzone è uscita anche su di lei, ti fai un bel pianto e poi la metti via. Anche solo lo scrivere è sufficiente, ma, avendo la fortuna di essere anche musicista e quasi musicoterapista ho in mano un grande potere che mi fa affrontare e superare il dolore attraverso la canzone.

Sei circondata dalla musica: tra lo scrivere, fare concerti e poi la insegni anche. La musica è la tua vita dalla mattina alla sera.

Ho iniziato a comporre le mie prime canzoni circa 15 anni fa, ma è difficile farsi valere come cantautori; siamo troppo profondi o per qualcun altro “tristi” per il mercato attuale che non vuol far pensare troppo. Forse hanno più fortuna gli interpreti.

Quando ho ascoltato il tuo disco, io parlo sempre di disco perché comunque ho ancora in mente il vinile, potrei dividere in due gli otto brani. Come se la prima parte fosse un po’ più ottimista e la seconda parte più ricercata nei testi. Nella prima parte i testi sono più chiari, la seconda parte con La Vita Va e La Mia Stella sono più intime, quasi tristi. Come si fa a trattare bene e con cura la tristezza nei testi? Non si rischia di intristire le persone che ascoltano?

Il disco rispecchia chi sono. Diciamo che sono pervasa da una sorta di malinconico ottimismo, perchè nella mia malinconia cerco sempre uno spiraglio di speranza. I temi che ho trattato in questi due brani riguardano due persone care che sono venute a mancare. Certo che si tratta di temi tristi, la vita non è fatta solo di cose aleatorie, leggere, la vita nelle mie canzoni è quella vera, trattata nelle sue varie sfaccettature, la vita, l’amore, l’amicizia e la morte. Per esempio, La Vita Va è dedicata ad una amica che ha avuto un incidente mortale. Uscivamo insieme,  poi un giorno mi sono fidanzata ed è stato più difficile per noi incontrarci. Lei insisteva perché ci vedessimo, ma io le avevo chiesto di avere un po’ di pazienza. Lei aveva capito la mie esigenze e le sue ultime parole erano state: “Tanto c’è tempo” e così le ho lasciate nel testo. Bisogna vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo, perché non c’è mai tempo per amare le persone. La Mia Stella racconta di una persona che è venuta a mancare dopo una lunga malattia e di cosa cambia nella vita di chi ha passato insieme a questa persona tutta la vita. E quando ti manca qualcuno che ha trascorso con te tanto tempo è come se mancasse un pezzo di te.

È bellissimo sentirti parlare e poi queste canzoni sono particolarmente indovinate; uno come me si avvicina alla tua musica, ascolta i brani, rimane colpito da quelli più leggeri, poi gli rimangono nel cuore quelli più intimi. Sei molto brava a raccogliere la melodia e farla simile al testo. Capisco che non c’è una differenza tra lo scrivere prima la melodia e poi metterci il testo. Oppure buttare giù una poesia e poi musicarla. Viene fuori tutto insieme, se ho capito bene. 

Si, testo e melodia arrivano insieme, non sono distaccate. Inoltre, parlando della melodia, nasce a seconda del mio sentimento in quel momento. Ne “La vita va”, puoi notare come la melodia non trovi uno sfogo vero e proprio nel ritornello, infatti il testo è legato ad un evento spiazzante, la morte improvvisa di un’amica tanto giovane, che ti lascia senza parole, “in questi casi non sai che cosa dire, perchè forse il silenzio è più grande di ogni cosa…”. “La Mia Stella”, come dicevo prima, narra della scomparsa di una persona dopo una lunga malattia, raccontata nei panni di chi le è stata accanto, persone nelle quali ho visto la sofferenza legata al calvario che si affronta in questi casi senza far pesare nulla alla povera malata. Quindi, dopo la liberazione dalla malattia, lo sfogo in un ritornello forte che vuole dar voce al grido stremato di queste persone.

Questo lavoro che fai sui testi è un lavoro di riscrittura o c’è molto istinto?

C’è molto istinto. Posso correggere una o due parole, ma come senti la canzone è come l’ho scritta.

In Canzone a un amico ho trovato delle parole spinte un po’ a forza nella melodia. Generalmente sei molto attenta a trovare le giuste sillabe da inserire dentro la musica. Invece in questo brano sei stata un po’ più cantautore: “io voglio dire quella cosa lì, me ne frego della melodia e ci metto quel testo.”

Canzone a un amico è tra quelle, forse, più cantautorali, è vero. Una storia difficile da raccontare. C’ho messo un po’ di tempo a scriverla. Non mi andava di storpiare troppo il testo per cambiare il senso. È stata tribolata e difficile da mettere in musica. Persino da arrangiare.

Questo è un lavoro di protagonisti che stanno cambiando. In una fase di evoluzione?

Per il lavoro precedente, l’album “Crescere”, ero una ragazzina, oggi sono una donna e scrivo in quanto tale, e posso anche permettermi di scrivere cose anche meno impegnative come “Oggi Che Cos’Ho”, che racconta di uno dei miei tanti giorni frenetici dove avrei davvero mandato a fanculo tutti.

Non ci sono pozioni magiche per scrivere canzoni, ma una buona regola è scrivere quello che si conosce? Quello che si vive?

Come dicevo prima, a mio parere, nello scrivere belle canzoni non devono esistere regole. Bisogna seguire la propria vena, più che conformarsi al mercato discografico. Se scrivi un bel brano e lo canti nessun interprete, per bravo che sia, non potrà mai rendergli giustizia perchè è nato dai tuoi sentimenti e chi meglio di te capisce il significato di ciò che hai scritto? A proposito di interpreti e di autori, vorrei far leva su un argomento che mi fa arrabbiare, cioè sul fatto che di un brano si conosce solo il cantante e si dice che quello è l’autore. In questi anni ne ho sentite di tutti i colori. Sarei felice di essere apprezzata da quelle poche persone che vanno a studiare chi è l’autore.

Chi metti tra le tue influenze?

Johnny Cash, Fabrizio De Andrè, Pierangelo Bertoli e Bob Dylan, ma anche molti altri.

Come ti ho scritto su Facebook hai dei riferimenti americani molto forti nella tua musica. Trovo una certa schiettezza nelle tue parole. Gli americani, ne parlo da appassionato e non da critico, sono quelli che dicono: “noi facciamo così, poi vedete voi.” Nel bene e nel male loro agiscono così. Io riconosco questa filosofia nelle tue canzoni e ora che ti ho parlato per un’ora anche nel tuo modo di fare. Sento lo stesso modo di essere.

Amo le sonorità che arrivano dall’America, come ti dicevo soprattutto il country e il bluegrass perché sono suoni semplici. Un cantautore non ha bisogno di arrangiamenti complessi, gli è sufficiente anche una sola nota. Con una chitarra è sufficiente una sola corda per creare una canzone. Se fuori piove, un accordo in La be molle minore mi è sufficiente per fare una canzone. Con un violino puoi imitare un pianto. Sono strumenti onomatopeici. Non c’è bisogno di aggiungere molto.