Keith Haring a Milano

Negli anni 80 la popart è riuscita, a mio parere, a sfondare quel muro che separa le diverse discipline. Con la popart le differenze tra la musica, la fotografia e la pittura sono diventate sfumate. Capita ancora di vedere copertine di musicisti contemporanei ispirate dagli artisti pop, così come alcuni lavori pop partono dalla musica che li accompagnava. Uno degli artisti apprezzati in questo campo è Keith Haring, americano nato nel fortunato 1958. A Milano si sta celebrando la sua arte con una mostra densa, più di 100 lavori, e affascinante intitolata “About Art”. Ci sono stato qualche giorno fa e questo è ciò che ho visto (e capito).

Keith Haring è diventato famoso principalmente per i suoi omini, facilmente riconoscibili e interpretabili: figure stilizzate che ballano o si agitano ammalati con una grossa in X interna. Ma Keith è anche molto altro e la mostra di Milano ne rende giustizia; ne mostra il lato più oscuro, come il disturbante Walking in the rain (guardalo qui) e non dimentica la fondazione che curerà i suoi interessi dopo la morte in seguito all’AIDS nel 1990. Il tutto è splendidamente illuminato; guarda l’unica foto che ho pubblicato su Instagram, anche se non si poteva scattare, che mette bene in evidenza il risultato ottenuto.

Haring è un artista mosso da una forte critica nei confronti della televisione o delle religioni; dobbiamo pensare con la nostra testa, prima che ascoltare cosa ci dicono gli altri. Chissà cosa avrebbe da dichiarato oggi con Internet, le fake news, Trump e tutto il resto.

Tra le cose che non conoscevo di Keith Haring, il rapporto tra i suoi lavori e altri artisti come Picasso o Il Giardino delle Delizie di Bosch.  Keith Haring ha a cuore gli artisti che l’hanno preceduto e si ritiene un anello di una catena. Al contrario di quegli artisti che si ritengono importanti e che non lo sono, perché vogliono chiudere con il passato. E non solo, Haring è ben cosciente del presente e del passato della sua nazione; c’è una bellissima cartina degli Stati Uniti su una (finta?) pelle di bisonte (o bufalo?).

In definitiva, un’ottima mostra, ben organizzata, che fa apprezzare l’artista, prima che l’uomo.

La mostra si tiene a Palazzo Reale di Milano, fino al 18/6

Altre informazioni qui.

Il catalogo è in vendita su Amazon, clicca qui sotto per acquistarlo.

Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.