Parliamo della SIAE

Ho perso il conto degli articoli che annunciano l’addio di artisti italiani alla SIAE. L’ultimo che ricordo è Enrico Ruggeri. Il Falco e il Gabbiano ora farebbe gestire tutto il suo patrimonio a Soundreef. Non sono qui per giudicare; il mio piccolo patrimonio è ancora in pasto alla SIAE. Ciò che mi stupisce è che l’unico a parlarne, in una sorta di discussione sul tema, sono solo io, cioè uno sfigato. Avrei voluto vedere tutti questi artisti alzare il polverone prima di uscire dalla SIAE, discutere con la SIAE su come migliorarla; insomma porre interrogativi utili a tutti. La società italiana autori ed editori è pubblica.

E invece, muti. Ornella?

Meeting with Italian actress Ornella Muti

La competizione è utile. Su questo sono sicuro. Poi abbiamo degli interventi alla Chiellini come la norma che recepisce la direttiva europea che apre alla concorrenza nella raccolta dei diritti; nel remix italiano si parla solo di società senza scopo di lucro. La SIAE che accusa SKY di non avere pagato i diritti d’autore di X-Factor. Sulla questione anche un mio scambio di twitter con il Direttore della Divisione Musica di SIAE Matteo Fedeli.

E a Sky, che io sappia, muti. Riccardo?

Mussorgsky-Ravel - Pictures from an Exhibition & Stravinsky - The Firebird (Suite 1919) - Philadelphia Orch., Riccardo Muti, EMI ASD3645

Soundreef che, in risposta al decreto, avrebbe deciso di affidarsi alla LEA. LEA non è la sorella di Peo Pericoli, ma l’acronimo di Liberi Editori e Autori.

Peraltro, sembrano giochini politici; Soundreef linka un articolo di Repubblica, mentre non ho trovato una loro comunicazione ufficiale, ma tant’è.

La SIAE è in una fase di trasformazione, perché tutto nella musica sta cambiando. Perché sta cambiando il business della musica e la fruizione della musica dal pubblico. Gli ultimi 20 anni hanno visto l’addio agli album, con un misto di gratitudine e dispiacere. Sono arrivate le nuove tecnologie e i nuovi utilizzi. Tipo, Soundreef non esisteva, oggi c’è. Poi c’è quel grande odio-amore di Spotify. Da autore sconosciuto sono felice della possibilità di entrare nel mondo della musica con semplicità. Contemporaneamente Spotify è un calderone dove c’è tutto. E tutto fa rima con niente. Abbiamo bisogno di una guida che ci aiuti a trovare la musica giusta. Come si muovono gli autori in questo mondo? La SIAE potrebbe aiutarci, no?

Ho già parlato (leggi qui) della questione legata al deposito dei brani telematico. Era il valore aggiunto di Soundreef. In altre parole, un buon motivo per passare alla società privata. Da un anno circa, anche SIAE permette il deposito via mp3, ma c’è sempre da lavorare (SEMPRE!). Faccio un esempio. Avevo depositato 5 brani che sono rimasti fermi per qualche mese. Fino a quando ho, come si dice in questi casi, aperto un ticket. Cioè ho chiesto l’assistenza della SIAE. Il problema è stato risolto. Faccio un altro deposito e, ancora, il brano rimane fermo un mese. Altro ticket per smuovere il deposito. Sarebbe opportuno, per esempio, avere un manuale delle istruzioni per capire tempi e responsabilità. Se c’è, io non l’ho trovato.

Di queste cose bisogna parlarne apertamente. Non mi aspetto il primo emendamento anche in Italia, ma un minimo di democrazia e libertà d’espressione può essere utile.

Simone