2640 di Francesca Michielin

C’è il nuovo album di Francesca Michielin, che in qualche modo ha attirato la mia attenzione. Sia perché mi sembra una ragazza umile, sia perché ha un viso acquaesapone (un valore aggiunto in questo mondo di plastica) e anche grazie a questa recensione di Tommaso Naccari. Non ho acquistato nulla, ma ho affidato al fido spotify il mio ascolto.

Michielin paga con gli interessi l’età che ha. Ne ha 23 di anni (beata lei) peccato, però, che i suoi collaboratori questo sembrano ignorarlo e la vestono con abito di 15 anni più grande. Donna passionale nelle foto e in una produzione da cantante affermata. Perché X-Factor fa rima con affermata? L’Eurosong o il secondo post di sanremo sono affermazioni? Una volta si parlava delle canzoni. Qualcuno sta cercando di farla passare per la Lorde italiana, facendole più del bene che del male. Di Lorde manca la semplicità. Di Lorda manca l’imperfezione (vi potesse servire, qui trovate il mio “Tutorial di Lorde”). Francesca è troppo perfetta nei suoi acuti, nelle sue dinamiche e nelle sue precise escursioni liriche. Ma l’effetto è quello di Hillary contro Trump. Lei perfetta, fredda, lontana dalle persone contro uno zoticone che però difende i posti di lavoro.

Insomma, Francesca ha bisogno di un autore imperfetto come il sottoscritto. Parliamone, no?

Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.