Jay-Z e Beyoncé a San Siro

La mia playlist di Beyoncé: Don’t worry Be Yoncé

6 luglio 2018: San Siro ha ospitato i Carter.

Venerdì sera a San Siro per vedere la coppia d’oro del musicbiz mondiale: Beyoncé e Jay-Z.

Sgombriamo subito tutti i dubbi: il concerto è stato grandioso. Il palco alto più di metà dello stadio (compresa l’amplificazione) è in gran parte occupato da un immenso schermo, sotto la curva rossonera. Due passerelle parallele lunghe fino a centrocampo completano la scenografia. L’impianto d’amplificazione presidia ogni punto occupato dal pubblico. Nella seconda sessione del concerto un’ampia parte del palco si stacca per alzarsi di una decina di metri e scorrere sopra il pubblico lungo le due passerelle. Come un drago sputa vapore sul pubblico. I diversi atti del concerto sono collegati sul grande schermo da un film.

Fermo, immagina…

Loro vestiti da Hollywood, Bronx e Montenapoleone scendono mano nella mano. Lei seria, lui si guarda in giro. Poi Beyoncé inizia a cantare. Un inizio poderoso, vigoroso e intenso. Breve introduzione sullo schermo e si entra subito nel pieno della musica e della vita dei Carter. Nelle cose belle e meno belle. Sì, perché il filo rosso che unisce la musica è la storia tra i due; i tradimenti di lui e il perdono di lei. Una casa brucia; mentre lui la guarda in fiamme lei è disperata si tiene la testa.

Non lo nascondo: mi sono scese due lacrime a vedere uno spettacolo così ben fatto e efficace.

Musicalmente lei occupa lo spazio più melodico e lui quello più misterioso. Dark. Ma capita anche che Beyoncé finisca per entrare nello stile di Jay-Z, con cura e attenzione. I colori della storia sono solo nel film; dal maxischermo la coppia fa bella mostra della ricchezza che indubbiamente possiede. Le canzoni variano tra il grigio e il nero. La conclusione con Forever Young – pessima scelta – ha l’unico merito di portare un po’ di arcobaleno. Provano così a non lasciare il pubblico con un sapore amaro in bocca, mentre tutti ci si muove verso casa con mamma Beyonce che urla: Drive Safe Home.

Per lungo tempo di musicisti non se ne vedono; saranno nascosti dietro al lungo e immenso video che accompagna le performance, penso. Nella tradizione dei concerti “moderni” i musicisti occupano uno spazio impalpabile, perché non ci devono essere altri protagonisti oltre ai Carter. In questi termini il concerto è minimalista. Quando lei si siede per cantare un brano accompagnata da una chitarra acustica, il musicista non si vede. Neppure in lontananza. Quando il palco è tutto per Jay Z, forse l’unico dei due che cerca di colloquiare con il pubblico, la musica si fa più cupa. Lui fa il Gangster nella coppia – mentre lei è la Regina – e occupa il suo spazio in ampiezza. Lei invece si eleva. Qui l’acustica dello Stadio fa il danno peggiore. Le parole di Jay Z e di Beyoncé si trasformano in un lungo parlato incomprensibile e a tratti fastidioso. Non riesco a immagine la bellezza di potere ascoltarli in un luogo adatto ai concerti.

Beyoncé canta accompagnata dalla chitarra. Ma il chitarrista dov’é?

La scaletta (rockol) del concerto non presta il fianco ad alcun momento rock, perché i ritmi hiphop sono l’unica cosa trasmessa. Purtroppo è difficile ascoltare un assolo di chitarra in questi concerti. E’ principalmente lo spettacolo di Jay-Z che ospita Beyoncé. Lei possiede una voce graffiante e grintosa che sta molto bene in coppia con le chitarre distorte. Oppure funziona come soprano. Ma è meglio non prendere il posto del maritino; lui alla fine risulta piuttosto noioso. Esteticamente, sono una coppia imitata; sono decine le ragazze che si vestono e si muovono con libertà e orgoglio grazie a quello sdoganamento dei fianchi che Beyonce (via JLo) ha fatto. L’attesa sotto la breve pioggia (io di grandine non ne ho vista, malgrado quanto raccontato da Rolling Stone) è stata riempita da questa sorta di sfilata. Non ho termini di paragone con altri concerti visti a San Siro, ma ho avuta la netta sensazione che lo spazio occupato dalla produzione andasse oltre la – ampia – disponibilità dello stadio di Milano.

Finisce lo show. Titoli di coda.

Simone