Archivi tag: Amsterdam

Matt Thorne: recensione della mostra My Name Is Prince di Londra

La mostra di Londra intitolata My Name si Prince è finita. Dall’8 marzo si sposterà ad Amsterdam. Non so se cambieranno gli oggetti o la disposizione, in ogni caso mi sembra utile leggere questa recensione di Matt Thorne dell’edizione londinese.

In Olanda i biglietti vanno da 17 euro a 50 euro per il VIP tour. Il VIP tour comprende: l’entrata alla mostra (ovviamente), una stanza esclusiva con oggetti non in mostra per i comuni mortali, la possibilità di tenere tra le mani una chitarra acustica di Prince, fare una foto e un libro di foto di 54 pagine.

Per avere maggiori informazioni sulla mostra di Amsterdam è disponibile il sito mynameisprince.amsterdam. Ricordo che potete leggere la mia intervista a Matt Thorne qui.

Alla fine della sua vita la pop star Prince era un uomo molto religioso, anche se le sue specifiche credenze si erano sviluppate nel corso della sua vita. Nato in una famiglia praticanti di Avventisti del Settimo giorno, trascorreva il  suo tempo nella chiesa del quartiere; ciò gli diede l’interesse negli studi biblici che hanno formato la sua vita e il suo lavoro. Alla fine decise di diventare un Testimone di Geova.

Embed from Getty Images

Sin dalla sua morte nel 2016, i membri della sua famiglia sembrano avere lottato per trovare la maniera migliore per celebrare la sua eredità. La reputazione di Prince lo descrive come mai fermo nel pubblicare la sua musica, ma anche nel fatto di avere pubblicato solo una frazione della sua produzione, con migliaia di canzoni, registrazioni dal vivo, video e film interi reclusi nel suo famoso archivio, che se gestito con attenzione darebbe materiale per tutta una vita.

Eppure fino adesso, tutto ciò che è uscito è una versione più lunga del suo album più famoso, Purple Rain. La famiglia di Prince ha deciso di seguire le orme di Elvis, trasformando lo studio di Prince, Paisley Park, in un’altra Graceland. Ora, My Name Is Prince, la nuova mostra con gli oggetti di Prince, è all’O2 di Londra, dove Prince suonò per 21 sere, condite da 14 aftershow nel 2009.

Howard Bloom, storico di Prince e in precedenza esperto delle pubbliche relazioni, che di recente ha pubblicato l’immenso “How I Accidentally Started the Sixties” (Come ho fatto iniziare gli anni sessanta per caso), ritiene che questo è ciò che Prince ha sempre voluto. “Anche se avrebbe voluto che fosse fatto con seduzione, sorpresa e stile”, mi ha detto. “Prince ha lavorato per attirare l’attenzione del suo pubblico ogni giorno della sua vita.”

Embed from Getty Images
Ho dei sentimenti contrastanti riguardo alla mostra. Mentre ci sono indubbiamente cose interessanti, non sono del tutto sicuro che sia stato ben curato quel senso di seduzione, sorpresa e stile. Prima le cose buone: gli abiti e le scarpe di Prince sono così ben presentati che anche i fan più attenti alla produzione musicale di Prince, invece che al suo guardaroba, capiranno quale sia stata una parte importante dei suoi costumi nelle sue performance e produzioni. Sebbene a volte Prince indossasse abiti firmati, in genere aveva i suoi abiti fatti in casa da un team specializzato di sarti. I manager che firmavano gli assegni possono avere occasionalmente messo in dubbio questa indulgenza spendacciona, ma hanno davvero apportato un elemento aggiuntivo agli spettacoli dal vivo. Prince si presentava ai suoi sarti con concetti complessi, che loro avrebbero fatto diventare realtà. Visto da vicino, la gamma di idee mostrate nei suoi vestiti è affascinante, quasi quanto quella della musica.

Ma lo spettacolo è rovinato dai pannelli in mostra; una chitarra dell’epoca in cui stava scrivendo musica per il film di Tim Burton, Batman, è anacronisticamente descritta come “steampunk”, e la collezione è raggruppata in modo inimmaginabile attorno a giganteschi ingrandimenti di copertine di album. Parte del fascino duraturo del lavoro di Prince è che ha resistito a questa sorta di tassonomia cronologica, poiché lavorava quasi sempre su molti progetti contemporaneamente.

Embed from Getty Images

Un problema più serio è che la parte più affascinante della mostra – i quaderni in cui Prince ha scritto testi e note scarabocchiate su progetti cinematografici – è nascosta sotto vetro e in mostra c’è solo il minimo indispensabile. Per ulteriori trenta sterline, i visitatori possono indossare guanti bianchi e tenere la chitarra di Prince per cinque secondi. Avrei pagato molto di più per indossare i guanti e guardare nel dettaglio questi quaderni. Ho passato sette anni a scrivere un libro su Prince e anche solo le poche pagine di questi libri in mostra rivelano cose che nemmeno i suoi più stretti collaboratori hanno potuto dirmi.

Nel bookshop, tre libri rilegati sulle chitarre di Prince, la moda del cantante e lo studio di Paisley Park – con un testo della scrittrice di musica di Minneapolis e della radio DJ Andrea Swanson – giustificano il loro costo di trentacinque sterline. Ma un facsimile di uno solo di questi quaderni scritti da Prince sarebbe, al confronto, inestimabile. Forse questo deve ancora avvenire; se no, l’opportunità mancata è grande.

C’è sempre il pericolo di produrre dei falsi idoli dalle pop star, e c’è qualcosa nel trattare i pantaloni e gli stivali di un uomo come sacre reliquie che potrebbe sembrare discutibile, se non fosse per la costante insistenza di Prince nel dire che se i fan volessero adorare qualcuno dovrebbero rivolgersi a Dio piuttosto che lui. A parte il suo ego e dei suoi talenti superumani (era in grado di passare  lunghi periodi senza dormire, mangiare e persino, confessò, bere acqua e non si sa se questo stile di vita abbia contribuito o meno alla sua morte precoce), Prince era anche un uomo umile al quale non piaceva altro che parlare ai suoi fan della Bibbia. A volte si preoccupava di essere un “uomo sciocco” che non capiva come funziona la religione. Più tardi ha trovato i ministri per guidarlo con domande spirituali. Mentre Prince vivo non era mai stato così interessato al suo passato; speriamo di approfittarne, la sua famiglia può preparare un futuro più appropriato.

Leggi la mia intervista a Matt Thorne qui.