del perché non mostro più i video

da qualche tempo ho deciso di non inserire video di altri presi da youtube/vimeo. troverete solo i link ai video per poterli vedere sul sito. ho preso questa decisione per una serie di motivi. primo perché lefsetz non lo fa. penso non l’abbia mai fatto. chi è lefsetz? si tratta del migliore critico musicale/pop in circolazione. ha una sincerità e una schiettezza nelle proprie opinioni che non si trova ovunque. leggi qui tutti i miei articoli su di lui. lui non mette mai un video nelle sue pagine, ma rimanda alla pagina di youtube dove si trova il video. secondo motivo, perché non ha senso mischiare le produzioni di altri con le mie. infatti i miei video continueranno a esserci in queste pagine, con l’apposito inserimento. terzo motivo, perché non vorrei fare casini con la siae.

Fine 2017 Inizia il 2018: due righe

Nel mese di gennaio ero partito bene con il mio blog; volevo mostrare come funzionavo internamente e per la prima volta ho pubblicato un brano proveniente dalla mia Cantina, che se fossi stato un americano come Prince l’avrei chiamato il Vault. A proposito di Prince, Italian Jam ha sempre nel cuore il musicista di Minneapolis e infatti ci sono un buon numero di articoli a lui dedicati. Purtroppo però nella famiglia di Prince, il 2017 è stato un altro anno che ci ha portato via un grande musicista. John Blackwell. Nel 2017 mi sono lanciato nelle interviste; ad agosto la madre di tutte le chiacchierate all’autore della migliore biografia su Prince cioè Matt Thorne.  Il 2017 è stato anche l’anno delle mostre d’arte recensite. A partire da Keith Haring, forse la migliore dell’anno, poi Kandinskji al Mudec.

Nel 2018 vorrei parlare sempre di più di songwriting, cioè dell’arte di scrivere canzoni; nel 2017 mi è piaciuto dare qualche suggerimento con “come vincere la crisi del foglio bianco”  oppure l’analisi della musica di Lorde. Anche la bella intervista a Jenni la cantautrice mantovana è densa di suggerimenti molto interessanti. Nel frattempo, sto scoprendo il piacere del vinile, pubblicando (anche su instagram) le foto e le recensioni di dischi che possiedo, come Sono Solo Canzonette di Bennato, Jazz dei Queen e Live in USA della PFM. Per quanto riguarda la mia musica su Youtube potete vedere il mio primo video. Si tratta della versione acustica del brano “E’ Già Mattina”, illustrato, come al solito, dai disegni di Veci. Fino ad oggi ha, come dire, misteriosamente avuto 93 visioni.

Cosa ho imparato da questo 2017?  L’autenticità. Non fatevi ingannare dai social, da ‘sti cazzo di influencer che tra 5 saranno spariti o dai talent della televisione (altri luoghi dove si producono solo giovani vecchi). Qualsiasi lavoro facciate concentratevi sull’autenticità. Siate sempre voi stessi, anche nel prodotto che fate. L’ha detto uno con i controcoglioni come Bob Lefsetz.

Nello stile dell’ebook che sta distribuendo gratuitamente Good Morning Italia, ho pensato che fosse interessante rivedere il 2017 e fare due o tre ipotesi per il 2018. Nelle classifiche il 2017 è stato l’anno di Ed Sheeran, di J-Ax e Fedez e di Despacito. È stato anche l’anno del sindacalista Gabbani e la sua Occidentali’s Karma, che a ridosso di Sanremo era primo tra i singoli. Internazionale.it ha elencato i migliori album italiani e stranieri del 2017. Il 2018 che ci aspetta sarà segnato dal solito Sanremo, che quest’anno pare essere destinato a un successo senza precedenti, con Baglioni alla regia, tre quinti dei Pooh formato XXL e una folta truppa di scappati dalle case dei talent, mentre tra i giovani candidati alle nuove proposte ho sentito le canzoni più brutte degli ultimi 10 anni. Ci sono altri appuntamenti, per fortuna, che tornano regolamente come i Proms della BBC a Londra. Qui per vedere i 20 momenti da ricordare dell’edizione del 2017. Poiché qui parlo ogni tanto di cinema, ecco i 13 film sottovalutati nel 2017 secondo Variety. Oppure i 10 da rivedere secondo Artlife. E i 10 migliori. Mentre per quanto riguarda la fotografia, qui le 17 più popolari dell’account di Instagram di Worldphoto. Per il resto, All Music già inizia a elencare le uscite italiane previste nel 2018. Naturalmente, ci sarà tanta musica già sentita, rivista e corretta. Bennato, per esempio, pubblicherà un Burattino Senza Fili Legacy Edition, mentre Giorgia e Carmen Consoli usciranno con due live. Sul piano internazionale, o americano, NME fa un po’ di ipotesi per il 2018 come il nuovo album di Jack White, di Craig David, mentre wikipedia ha una pagina dedicata. Mentre pare che la prossima stagione della Scala sarà inaugurata con Verdi. Una sicurezza nella vita c’è: Mariah Carey che tutti i natali torna in classifica con la sua All I Want For Christmas Is You (‘sta settimana è al decimo posto).

Difficile prevedere cosa accadrà nel futuro della musica. Il blog Ornitorinco Nano c’ha provato con “28 Tesi Sulla Musica Del Futuro (Tutte Da Dimostrare)” , articolo per verità nel 2016. L’articolo (giustamente) fa l’apologia delle playlist. Noi, inteso come autori, prepariamoci a produrre sempre più singoli. Questo articolo (del 2015) invece fa 5 ipotesi per il business musicale, provenienti da chi ci lavora nel music biz. Per esempio, Don Gorder della Berklee College of Music dice che “the vast majority of musicians will have to achieve success on their own” che tradotto significa che la maggioranza dei musicisti raggiungerà il successo con le proprie forze. A lui questo fa piacere perché la Berklee organizza ottimi corsi, anche online, per musicisti solitari. Altre previsioni interessanti in questo articolo: 10 Ways Music Will Change in 2017. Qui si dice che la musica sarà sempre più esperienziale (traduzione un po’ rough…). Per chiarire: pare che nel 2016 la Heineken  aveva pubblicato un piano per una campagna chiamata “Takeover”, che avrebbe permesso a chi indossava delle wrist-bands, cioè i braccialetti, con il maschio Heineken di controllare la musica dei DJ ai festival. Interessante, vero? Infine, un articolo dedicato a chi farà il creativo. Anche il musicista. Secondo questo articolo di Todd Brison intitolato “Creative People Won’t Survive the Future Without Doing These 3 Things” (cioè “le persone creative non sopravviveranno in futuro se non faranno queste 3 cose”) le 3 regole sono: “Build your ideal environment to create” (costruisciti il tuo ambiente ideale per creare), “Find and solve problems” (trova e risolvi problemi) e “Sell your art” (vendi la tua arte).

A proposito di Prince

Eccolo il capitolo dedicato a Prince. Per me è un po’ come ripartire dalle basi. Un ottimo regalo è stato il libro fotografico di Afshin Shahidi intitolato “a private view”. non è il primo libro che è uscito dopo il 21 aprile, ma questo mi sembra quello fatto con più cura. Se lo volete acquistare, il link lo trovate qui a fianco. e se lo acquistate attraverso questo link date una mano anche al mio sito. Prince mi ha portato anche una grande amicizia, il pittore e musicista Mark Balma. L’abbiamo conosciuto un anno fa Minneapolis. Siamo tornati quest’anno e lui ha prodotto un nostro brano. Per uno come me che nella vita ha fatto collezione di no è stato un risultato insperato. Esaltante.

Sono un uomo che ha visto internet negli anni novanta. non era un luogo di culto, non era un luogo di riassunti, non era un luogo di discussioni. Ci serviva per scappare di casa, a noi nerd. Il tuo corpo era fermo,  ma vivevi in una realtà parallela. Internet dava una sensazione irreale. Ora internet è un protesi della realtà. anzi la realtà è una protesi di internet. Le cose rimbalzano e anche se non te ne frega nulla, ma devi dire la tua così fai parte del flusso. Poi arrivo quallo che internet l’ha ucciso nella culla per difendere il digitale terrestre. Che coraggio. come ogni settembre avrei voluto partire con un nuovo taglio per questo luogo, ma la scelta migliore è uscire dal passato. Uscire da facebook e dai suoi “mi piace”. Uscire da twitter e dai suoi follow me follow you. E’ il caso di pubblicare le proprie foto sui social network? girando un po’ di siti, di pagine, di facebook, sembra che oramai non ci esista più alcun remora nel pubblicare le proprie foto o quelle dei propri figli su internet. Arrivo da un internet degli anni 90. non credevo fosse necessario rappresentare se stessi sulla rete, ma piuttosto una rappresentazione della personalità, anche alternativa alla realtà. Mostrarmi in pubblico mi rende nudo? Mi rende leggibile? E mi sento troppo scoperto?

C’è questa canzone che arriva dal 1998. si chiama “l’ultima canzone”. l’ho scritta alla fine di una storia. una storia che era iniziata nella mia testa e nella mia testa è finita.

finito aprile, finto aprile e dell’essere autentico

non è un caso che il mio ultimo post era del primo aprile. aprile è un pesce di mese, che non merita nulla di buono. ora che aprile se n’è ‘ndato possiamo tornare ai fatti soliti.

sto leggendo un interessante libro, i migliori libri sono quelli che trovi per caso e questo sullo storytelling è curioso.

scrivere canzoni ha sempre qualcosa che riguarda il raccontare una storia. spesso le canzoni che amiamo di più sono quelle che ci raccontano una storia. e pure nella vita le fiabe, le favole, i film e i romanzi ci fanno bene. ci danno una morale e un insegnamento. il libro è prezioso e denso di lezioni da imparare. mentre lo leggo riporto sulla mia pagina facebook i brani più significativi. per esempio, il 2 maggio ho scritto:

Non esiste una formula magica per trovare storie adatte a essere usate: sono ovunque. Bisogna sintonizzarsi sulla “lunghezza d’onda delle storie”: tenere la mente aperta alla possibilità di raccogliere materiale utile come parte della routine quotidiana.

e questo è un vero esercizio che aiuta. come tante altre cose della vita, ho imparato che esercitarsi aiuta ad acquisire una competenza. come la pazienza. ho imparato a esercitarla e ora è parte di me. tranne quando perdo la pazienza. a quel punto vorrei avere un esercito a mia disposizione.

ma non divaghiamo. e dilaghiamo.

se vi andasse di comprare il libro, cliccate sull’immagine e sarete spediti dritti dritti su amazon. non vorrete mica iniziare proprio oggi ad andare in libreria per acquistare “racconto per il coaching”?

ora.

ho ritrovato tra le mie scartoffie una sacco di musica che ho scritto e “performato” (che verbo di merda) nel passato quando internet non esisteva. ecco perché mi sono dato il compito di pubblicarla nuovamente. perché tutti devono sapere e conoscere e ascoltare quanto fa schifo. perché io non sono andato al conservatorio; mio padre dice di essersi informato e costava troppo. ma credo sia una balla.

detto questo, il motivo vero per cui sto scrivendo questo post è perché ho letto un interessante articolo scritto dal solito Bob Lefsetz, uno con i controcoglioni. l’articolo è in-titolato authenticity (autenticità) e dice più o meno così:

tutti ‘sti influencer hanno legioni di followers. ma riguarda solo la moda, lo stile, qualcosa di evanescente, roba esteriore, che non ha alcun significato. invece bob dylan e eddie vedder hanno l’autenticità. (…) è qualcosa che tu provi veramente, è una risonanza, nel tuo profondo, quando incontri un umano, di maggior successo: una persona autentica sta prendendo le stesse decisione che tu prendi o prenderesti, o ha una maggiore esperienza e più informato e perciò puoi imparare dal suo lavoro.

ecco, io credo che in quei brani di (circa) 20 anni fa io ero/sono autentico. ecco perché ne racconterò la storia.

segue

sono le 11 di sera, un’app mi ha appena detto che c’è stato un terremoto in giappone. pare 7.3. leggo su facebook un sacco di post che parlano di trump. mi sembra che non ci siano altri argomenti. io, nel mio piccolo, sto facendo la mia strada. le casse, i monitor che uso per riascoltarmi sono pieni di rumori di fondo, di fruscio. hanno 20 anni queste casse. hanno tutte le ragioni del mondo a essere sfinite. stessa fine il microfono che ho appena preso su amazon. ha funzionato per qualche mese, ma da poco ha cominciato a disturbare la registrazione della voce. tra poco sarà pronto il primo video di un mio brano, ma io non so come presentarmi, potrei mettermi un casco oppure una maschera. magari la maschera di un politico famoso. ho letto questo articolo Why Some Protests Succeed While Others Fail. l’articolo è un po’ lungo ma spiega che il solo scendere in piazza e protestare non è sufficiente. bisogna inserire la protesta in un discorso più ampio. alla fine dell’articolo ci sono le 3 regole perché la protesta funzioni. nel frattempo, midia (società di analisi in ambito media e tecnologia) ha verificato le sue previsioni del 2016, in attesa di fare quelle per il 2017. le previsioni musicali sono state tutte azzeccate: nel 2016 il digitale raccoglierà più del 50% dei ricavi (le major hanno raccolto il 54% con il digitale); chi rimarrà fuori dallo streaming digitale saranno in pochi (mentre hanno avuto successo le esclusive); spotify sarà il leader nei servizi ad abbonamento (40 milioni di abbonati, contro i 18 milioni di apple music). leggo sempre con interesse gli articoli di lefsetz; ho apprezzato l’incipit di questo articolo: “ciò che un artista fa è dire la verità ai potenti, fanno in maniera che le persone si sentano in difficoltà, e quanto c’è una reazione, sanno che hanno fatto correttamente il loro lavoro.” spesso ci dimentichiamo che l’obiettivo degli artisti è di dire cose scomode. tutti l’hanno fatto. da john lennon con i beatles più famosi di gesù. a proposito di lennon, avete sotto mano la lettera scritta da john a linda e paul all’indomani dello scioglimenti dei beatles? la potete leggere qui. non userò più il piano. non serve a nulla e il mondo si sta evolvendo.