Film: Mary e i fiori della strega

Mary e i fiori della strega è il film di animazione giapponese nelle sale in questi giorni. Domenica pomeriggio siamo andati a vederlo nel nostro cinema preferito. Viene presentato come un’opera dello Studio Ghibli, ma in realtà è la prima opera dello Studio Ponoc; lo studio di animazione giapponese nato nel 2015 che sta raccogliendo l’eredità di Miyazaki e Takahata dello Studio Ghibli. Gli elementi Miyazakani si vedono tutti. Le protagoniste femminili e la passione per il volo. Il regista Hiromasa Yonebayashi arriva proprio dallo studio di Mitaka dove ha lavorato come animatore sia con Miyazaki che con Takahata.

Qui il Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=ujmBdR3uuFI

Il film narra di una vivace bambina, Mary, che trascorre un periodo di vacanza dalla pro-zia Charlotte in attesa dell’arrivo dei genitori e dell’inizio della scuola. In casa con la pro-zia la piccola Mary si annoia. Viene così spinta dalla pro-zia e dalla governante a uscire per la bella giornata. Durante uno di questi giri, Mary incontra Peter, un suo coetaneo che trascorre l’estate facendo commissioni, e i gatti Git e Tib. Seguendo i mici Mary scoverà nel bosco i fiori dal colore blu acceso. Il fiore della strega. Qui inizierà la sua avventura tra voli a cavallo di una scopa e la visita alla magiuniversita.

Il film tra misteri, personaggi di spessore e scene divertenti è un omaggio a tutta l’animazione dello Studio Ghibli e per questo fa ben sperare per il futuro. Abbiamo bisogno di film di animazioni per sognare e riflettere.

Senza fare spoiler, il film finirà con Mary che a cavallo della scopa urla a Peter: “la magia non ci serve!” Una dichiarazione d’amore per la vita e per l’umanità che mi ha fatto emozionare.

Mary e i Fiori della Strega è nelle sale fino al 20 giugno. Distribuito in Italia dalla Lucky Red, che non smetteremo mai di ringraziare.

Mary e il Fiore della Strega

Mai andare a vedere un film italiano al cinema

Ho un paio di regole quando scelgo un film da vedere al cinema.

Mai scegliere un film italiano. i film italiani scontano un depressione romanocentrica e una lentezza che non è mai facile da digerire. Raccontano storie tristi di sinistroidi senza ironia che hanno paura di vivere, ma che poi girano in Ferrari. Sarà anche colpa degli yankee che ci hanno invaso con i loro ritmi ed effetti speciali. Tranne rari casi, tipo Nanni Moretti, i film italiani sono da scartare.

Corollario nr.1

Mai scegliere un film italiano dove gli attori arrivano dalla televisione. Tempi, facce e ambientazioni non sono quelle più che sufficienti nel piccolo schermo. Così come la semplicistica sceneggiatura televisiva non può (e non deve) essere riportata al cinema. Tranne rari casi, tipo Aldo Giovanni e Giacomo degli esordi al cinema, i film con attori italiani della televisione sono da scartare.

Corollario nr.2

Mai scegliere un film italiano dove gli attori arrivano dalla televisione e hanno fatto Zelig. L’effetto risata obbligatoria dopo il tormentone (ereditato da Drive In) e l’applauso ripetitivo anche senza battute a effetto (ereditato da Fazio) sono il male del 2018. Tranne rari casi, tipo nessuno perché fanno tutti cagare, i film italiani dove gli attori arrivano dalla televisione e hanno fatto Zelig sono da scartare.

Corollario nr.3

Al posto di Zelig nel corollario nr.2 si può inserire Colorado, qualsiasi trasmissione di Abatantuono, della Gialappa’s o una puntata con Francesco Facchinetti.

Chiarito questo l’altra sera abbiamo visto “un film italiano dove gli attori arrivano dalla televisione e hanno fatto Zelig“. Si tratta del nuovo (o il primo?) film con Nuzzo e Di Biasi dal titolo originale, mai sentito prima: “Vengo anch’io” (titolo provvisoro “Diversamente Family”). La trama del film racconta di un assistente sociale fallito e una ex carcerata appena uscita di galera. I due condividono un’auto per scendere verso il sud. Lui si porterà dietro un ragazzo problematico, cioè con la sindrome di Asperger. Lei vuole arrivare in Puglia prima che la figlia partecipi a una gara di canottaggio.

Continue Reading

Vinile: Breakdance Original Motion Picture Soundtrack

siamo nel 1984, un bel salto indietro per un album in vinile dominato dalle batterie elettroniche più in voga dell’epoca (Roland TR-808 e Linn LM-1); ostentato sopratutto con il clap. le persone ti chiederanno se sono tornati gli anni ottanta. 10 brani per raccontare la storia di una ballerina jazz e due breakdancer, pare questi i protagonisti del film Breakin o Breakdance che non ho mai visto. eppure per qualche caso della vita il vinile è finito nel mio archivio. poco male, perché contiene un paio di gioielli: 99 1/2 cantata da Carol Lynn Townes e Ain’t Nobody con Rufus e Chaka Khan. il resto è un lungo brano da discoteca. qualità del vinile quasi perfetta perché mai suonato.


a me non fa paura nulla, ma se vi passasse la voglia di suonare questo disco in una festa vi potrebbe capitare di avere delle grosse soddisfazioni. io dopo un paio di brani (nel lato B) pensavo di avere ritrovato i jeans elcharro e le timberland e Fantastico 7 con la Cuccarini. aargh, ho quasi 50 anni…

qualche brano arriva da ollie and jerry (che suona tanto tom and jerry), due cantanti piuttosto famosi negli anni 80 che raggiunsero la fama e la top 10 proprio con il brano Breakin’… There’s No Stopping Us, che apre il disco. il disco si ascolta con piacere, ma guadagna spazio dopo qualche tempo, mentre il primo ascolto sembra complicato da suoni e armonie lontane dal nostro quotidiano. il lato 2 soprattutto mi sembra più curato e degno di qualche recensione più attenta, grazie all’ospitata del brano con Chaka Khan, che ha meritato molte cover nel tempo e all’ottimo Cut It di Re-Flex, simil Depeche Mode

ecco il trailer.

Infine, da sottolineare un paio di brani (semi) strumentali come Showdown di Ollie And Jerry che impreziosiscono di ricerca l’album e potrebbero servire da esempio per qualche brillante arrangiatore che oggi si vuole rifare agli anni 80 (c’è sempre qualcuno che si fa e si rifà…)

prossimo vinile: colonna sonora del film Staying Alive

Approfittane per ottenere altre ispirazioni nella tua mail:

Il Film The Wall di Roger Waters

ho visto il film del concerto The Wall di Roger Waters. un lavoro impressionante. il Waters riprone la propria musica in un concerto che lascia senza parole per la sua grandiosità e l’impegno. una produzione che rimane impensabile per le nostre latitudini; l’inglese permette a un’opera di questo genere di diffondersi in tutto il mondo. è forse grazie a questo che un poeta visionario come l’ex Pink Floyd può costruire e spendere così tanto. il palco deve essere stato lungo 200 metri. il muro del titolo che lentamente si costruisce tra il pubblico e la band nella prima parte del concerto, offre lo spazio a immagini, animazioni e effetti speciali sincronizzati con la musica, con i musicisti che spesso lasciano spazio alla drammaticità e coinvolgendo i giovani delle prime file. Roger Waters con la sua faccia da Richard Gere è perfetto. lo spettacolo è una completa integrazione tra musica e immagini, teatro e cinema, animazione e fotografia. la registrazione è di una qualità eccelsa, con un dolby surround ben sfruttato, mentre il video del concerto misteriosamente non sembra disturbato da flash di cellulare.

Roger Waters parla grazie alla splendida musica di rock sinfonico che ha nel repertorio, ma anche per il suo passato; il padre e il nonno del Waters morirono rispettivamente nella seconda e nella prima guerra mondiale lasciando i loro figli piccolissimi. è solo così che un autore parla di qualcosa che conosce bene. mentre il concerto si divide tra musica dal vivo e musical, il film è contemporaneamente un documentario che accompagna il Waters nel visitare i luoghi dove sono morti i suoi parenti, tra Francia e Italia. e non si dimenticano i caduti di tutte le guerre; il primo  brano viene accompagnato dalle immagini di caduti in guerra in attacchi terroristici; si parte dal padre ma si arriva ai morti degli ultimi anni. Per dire c’è anche Olof Palme il pm svedese morto nel 1985.

un concerto imperdibile per chiunque voglia raccontare storie con le canzoni. Roger Waters rappresenta un’ideologia precisa che nel tempo diventa un suo marchio di fabbrica.

qui sotto riporto l’intervista che il formigli di piazzapulita su la7 gli fa per l’uscita del film su dvd, pochi giorni dopo gli attentati di parigi del 2015.

(spoiler alert: il giornalista dice che Roger Waters è americano, mentre è nato nel Regno Unito)

Link: wikipediaimbd