Giappone 2018

In questi giorni scoprire una foto in bianco e nero, veramente in bianco e nero, è un’impresa. Io, per fortuna, ho salvato dalle grinfie dei traslochi una macchina fotografica regalata da mio nonno a mio papà. E’ una Voigtländer, 250 anni di macchine fotografiche austriache che su ebay sparano fino a 900 euro. La mia ne vale molti di meno, ma arrivando da metà degli anni 50 del 900 ha fatto la sua bella storia. Mi era stata, per così dire, regalata, perché potessi giocarci. Nessuno più la voleva. E così io me ne sono affezionato. La portavo sempre con me. Nei miei giri con la zia. Nelle mie gite di scuola. Ho imparato a fare foto con lei. Ed è lei che mi ha insegnato come gestire velocità e otturatore; dentro al contenitore dell’obiettivo c’è un piccolo schema che dice così: sole forte… 125 -16, sole normale 125 – 11 ecc. Una tabella inserita in italiano dall’ottico Gino Manafra di Via Porpora a Milano, dove (credo) i miei hanno preso la macchina. Ho portato la macchina fino in Giappone e lì ho fatto un paio di rullini di foto. Con un vecchio rullino in bianco e nero, che ha reagito bene.

 

Per vedere tutti post dedicati al viaggio in Giappone clicca qui.