Musica da regalare

5 consigli per regalare musica il prossimo 25 dicembre. Tutti secondo la mia personale opinione e divisi per età. Attenzione, appositamente non ho proposto gli ultimi lavori di Justin, di Robin Thicke, di Britney, di Miley, di LadyG o di altri cantanti superconosciuti. Per acquistare i loro lavori non avete bisogno di me.

Prima di tutto un video che presenta i 5 lavori.

under 20

Pure Heroine di Lorde


Ai teenager quest’anno deve essere regalato il nuovissimo Pure Heroine di Lorde. Il primo lavoro della cantante neozelandese, trascinato dal singolo Royals, è un piccolo gioiello di suoni, melodie e elettronica. Uno di quei dischi che fra 30 anni ricorderà loro questo periodo della loro vita.

20-30 anni

Tales Of Us di Goldfrapp


Crescendo l’electropop degli inglesi Goldfrapp rimane imbattibile. Il loro nuovo lavoro Tales Of Us (che ho ascoltato spesso nei miei viaggi metropolitani) è una raccolta di 10 canzoni dedicate a 10 personaggi.

30-40 anni

Sing to the Moon di Laura Mvula


Laura Mvula è la voce inglese che ha sorpreso tutti. Il suo Sing To The Moon l’ho ritrovato in molte classifiche dei migliori lavori del 2013. I brani sono ricercati e strizzano l’occhio all’Africa. Ottima anche per chi ha superato i 40 anni.

40-50 anni

Wise Up Ghost di Elvis Costello & The Roots


Miscela esplosiva questa prodotta da Elvis Costello con The Roots. Funkypop. RockR&B. E psicadelia. Qui c’è tutto. Tipo Prince e i Revolution + Beatles + Red Hot Chili Peppers. La presenza della The Brent Fischer Orchestra rende il tutto imperdibile. Agitare con cura, perché sotto i 40 anni potrebbe non piacere pesantemente. Non ne parliamo sotto i 30 anni: si rischiano insulti.

Over 50

Brooklyn Babylon di Darcy James Argue’s Secret Society


Il lavoro, giustamente definito monumentalmente ambizioso dal TheNewYorkTimes, ha ricevuto una nomination ai Grammy nella categoria Best Large Jazz Ensemble Album. La qualità dei musicisti, degli arrangiamenti e della registrazione non deluderà nessuno sopra i 50 anni (i più esigenti?) che risentiranno le armonie dei loro padri (la big band).

06 Interdizione dai pubblici uffici (playlist)

  1. Gentleman – Psy
  2. Queste Ossa – Drupi
  3. Can’t Live With The World – Laura Mvula
  4. As I Lay Me Down – Sophie B. Hawkins
  5. Blurred Lines – Robin Thicke, T.I., Pharrell Williams
  6. Recover – Chvrches
  7. Until You Come Back To Me – Aretha Franklin
  8. Skinny Love – Birdy
  9. One Too Many Mornings – Bob Dylan
Dopo più di un mese, l’ultima playlist risale al 28 aprile, eccoci con la nuova. Siamo alla numero 6 dal titolo “Interdizione dai Pubblici Uffici”. Questa uscita la potete ascoltare quasi tutti i brani (manca solo Drupi) anche con una playlist video di youtube (Pharrell Williams che suona il basso in Blurred Lines vale da solo tutta la playlist). Ho scelto 9 brani che mi hanno accompagnato in questi ultimi tempi. Si parte con Psy con il suo nuovo brano / video. Poi Drupi, uno dei più grandi artisti italiani, che ha scritto e cantato davvero bene questo blues nella nostra lingua (cosa davvero rara). Poi la scoperta di Laura Mvula e il suo Can’t Live With The World; è stato complicato trovare un solo brano dal suo Sing To The Moon, che vi consiglio caldamente. Sophie B. Hawkins è stata protagonista di una puntata dei Community e quindi non potevo dimenticarla. Pharrell Williams pare avere sempre un posto nelle mie playlist per donare un tocco funky. Con Recover ci sono i Chvrches che ho trovato su Spin (i migliori 5 nuovi artisti di marzo). Poi Aretha Franklin che trova posto grazie ad un suggerimento dell’amico Massi (su youtube ho caricato la versione cantata dal vivo con Stevie Wonder, quella che lui preferisce). Poi arriva la giovanissima Birdy che ci ha accompagnato verso un mercatino. Infine, Bob Dylan per ricordare il libro su Steve Jobs che ho terminato di leggere proprio in questo periodo (e del quale ho parlato qualche giorno fa). Buon ascolto.