Bruno Bacelli: Scrivere dei Contrasti di Milano

Da poco è uscito il nuovo libro di Bruno Bacelli e si chiama “Autostrada Gialla”, scritto questa volta con Cristina Donati. Mi piace leggere il libri di Bruno, chè sono sempre ben scritti e originali nelle trame e nei personaggi. Su Amazon sono presenti altri due libri di Bruno: Nove guerrieri e Khaibit – Il Giorno del Giudizio, l’opera più importante. Bruno è anche l’autore del blog Mondi Immaginari un’istituzione per quanto riguarda le recensioni di libri e film fantasy, di fantascienza. Conosco da un po’ Bruno e l’uscita del suo nuovo libro scritto questa volta in coppia con un’autrice è stata l’occasione per fargli qualche domanda.

Prima di tutto il tuo blog: se non sbaglio ha compiuto 10 anni, come hai festeggiato? Dopo 10 anni che considerazioni puoi fare?

Non ho festeggiato, in verità, la scadenza è trascorsa addirittura senza che me ne accorgessi, in un post ho però sottolineato che si tratta pur sempre di un traguardo. Ma molta acqua è passata sotto i ponti e non so nemmeno se un blog sia la maniera migliore di raggiungere il pubblico, oggi.

Appunto. Rispetto a 10 anni fa quali differenze ci sono? A me sembra, per esempio, che i blog non siano più il centro del mondo come era allora. Ora dobbiamo per forza passare dai social per attirare la cosiddetta conversazione.

Il problema è che l’interazione dei social network è così limitata e di bassa qualità che non la potrei proprio definire un valido sostituto. Ma, purtroppo, a questo io non ho una soluzione, e mi tengo il mio blog.

Finito il 2017. Uno libro e un film che hai apprezzato nell’anno.

Il film è senz’altro BR2049, ovvero il nuovo Blade Runner. Una volta concessa la verità più ovvia, ovvero il fatto che la sfida di dare un seguito a un capolavoro del genere è fin troppo disperata, l’ho trovato visivamente affascinante e ricco di spunti di riflessione. Il libro del 2017 in effetti è una serie, che mi ripromettevo di leggere da tempo. Parlo dell’Invasione di Turtledove, un affresco di fantascienza un po’ vecchio stile ma gradevolissimo, almeno fin dove l’ispirazione dell’autore ha retto.

Anche me è piaciuto Blade Runner 2049. Invece mi dici il personaggio di un film o di un libro che hai sempre amato? A prescindere dal 2017.

Difficile dirlo. Inevitabilmente sono attratto dai personaggi malvagi o discutibili, anche se vorrei la vittoria del “bene,” a saperlo trovare. Uno che non era certo buono, ma aveva le sue ragioni, è l’antagonista dell’originale Blade Runner, Roy Batty, nella splendida interpretazione di Rutger Hauer. Un attore che forse non ha avuto tutto il successo che avrebbe meritato.

E un libro o un film che ha avuto successo ma che tu ritieni immeritato, che non ti è piaciuto?

Be’, ogni anno esce un film della saga di Star Wars… A dire il vero la puntata di quest’anno non è una delle peggiori ma questa franchise mi sembra sopravvalutata. Io però devo ammettere che continuo a vederli, qualche volta in sala, qualche volta no.

È appena uscito il tuo libro “Autostrada Gialla”, che hai scritto con Cristina Donati. L’ho letto e mi è piaciuta l’ambientazione milanese. Come nel tuo precedente Khaibit. Qual è il lato misterioso (se c’è) che ti attira di Milano?

Milano è un posto così prosaico, ma anche una delle poche città moderne del nostro paese. Più che il mistero mi attira il contrasto che può creare. Milano contesa tra un eroe disperato e un male antichissimo, Milano che scompare travolta dalla pestilenza, è così difficile crederci, e quindi è una sfida ancora maggiore.

Come ti immagini la Milano del 2100? Prevarrà ancora la modernità?

Spero di sì anche se il nostro paese rimane sempre più indietro. Ma la modernità che sta arrivando sarà fatta di grandissime disuguaglianze.

Disuguaglianze in una società fatta di caste? O quartieri separati? Come sarà? 

Io ho immaginato una società divisa fisicamente. Chissà se ce la farò anche a scriverne.

Pregi dello scrivere un libro in coppia?

Ho fatto una fatica enorme e ci sono state tutte le difficoltà e le incomprensioni che ci potevano essere, e una serie di disavventure personali che non sto a descrivere, ma non escludo di farlo di nuovo. Un altro punto di vista può essere un grosso aiuto.

Cosa farai di diverso nel 2018?

Spero di scrivere di più.

Libri o post del blog?

Certamente libri. Sarebbe bello però rendere più vivace anche il blog.

E Khaibit 2?

Chi lo sa. Di trame ne avevo studiate un paio, stavo quasi per mettermici, ma non ho trovato l’ispirazione. Khaibit è la mia più grande storia, forse, che abbia visto la luce. Ma la posta in gioco della sfida descritta in quel libro è così alta che proporre un seguito convincente è molto, molto difficile.

Quando inizi a scrivere arriva prima la storia o i personaggi?

Può essere l’una o l’altra cosa, ma una forte visione dei personaggi, con il loro aspetto, il figurarsi i loro dialoghi, si collega fin dall’inizio al mio processo creativo.

Esiste un genere letterario che non hai mai affrontato con un tuo libro ma che ti attira? 

Una narrativa strettamente militare, come potrebbe essere Fanteria dello Spazio di Heinlein.

Cosa si potrebbe fare in Italia per avere più lettori?

Penso che lo scarso amore per la lettura da parte degli Italiani, potremmo talvolta parlare di odio vero e proprio, derivi da problemi economici e storture sociali così profondi da escludere qualsiasi speranza di risolverlo con soluzioni estemporanee.

Non mi hai parlato di libri di autori italiani, come mai? Come sta la narrativa italiana

Non sono un grande osservatore anche se, ovviamente, di italiani leggo qualcosa. Talenti ce ne sono. Mancano i lettori, purtroppo.