Sanremo 2018

come previsto 1 mese fa da Red Ronnie ha vinto fabrizio moro e il suo amico. la tradizione della gara finta è stata mantenuta. non c’è nulla di male, in un paese dove il governo non è deciso da chi vota alle elezioni. caratteristica del sanremo 2018 è stata l’invasione di baglioni. indubbiamente un uomo che ha nel portfolio una marea di brani conosciuti. e poi la qualità dei brani in gara che raramente è stata così bassa. gli elio che dopo essere diventati nazionalpopolari si sono appropriati di sanscemo. e, per tornare ad una metafora politica, il governo è tanto forte quanto è forte l’opposizione. e l’opposizione non c’è. il loro arrivederci è penoso. noemi è noiosa. e io ho pena nei confronti dei giornalisti che devono apprezzare questi piccoli personaggi. l’unica cosa giusta l’ha detta giulia blasi.

interessante l’articolo del Sole 24 Ore dove sono elencati i presunti “conflitti d’interesse” del direttore artistico, ex autore di canzoni, baglioni. tra questi le royalties per la sigla d’apertura, i duetti e la presenza massiccia di artisti sony e del manager di baglions.

per chiuduere, un mio piccolo appunto.

Morgan da Red Ronnie, una sintesi

ieri sera per la punta del Barone Rosso di Red Ronnie c’era ospite Marco Morgan Castoldi, che per semplicità chiamerò Marco. ora, come Ronnie ha ripetuto diverse volte, Marco era allo stato brado. impossibile da contenere; saltava, cantava, parlava, faceva domande e si rispondeva da solo. uno spettacolo, senza alcuna ironia, che è difficile rivedere sui canali normali, e infatti ce lo siamo guardati su youtube (indiretta). con loro una giovane e talentuosa musicista di nome Nyvinne.

Marco è reduce da una battaglia legale con la moglie che pare volergli prendergli la casa, perché lui non pagherebbe gli alimenti alla figlia. lui (non so se le due cose sono collegate) sta mettendo all’asta i propri oggetti, vestiti, strumenti, biglietti e altro su ebay (ne ho già parlato qui).

ieri sera, vi prego guardatevi la puntata, l’argomento era che qualsiasi oggetto toccava Marco sarebbe finito all’asta. ha anche raccontato di un vestito fatto da Missoni per lui, con la stoffa degli asciugamani che Missoni aveva in bagno. insomma una puntata speciale. un po’ ossessiva e nervosa,  ma comunque che vale la pena vedere.

Ronnie rimane sempre il migliore per ospitare i musicisti. è ancora l’unico in grado di dare loro uno spazio libero, infinito e tranquillo. nelle sue trasmissioni i cantanti non sono degli riempi buchi o fatti per i concorsi telefonici (tipo a mattina in famiglia) ma hanno dignità. se si riesce a accettare un suo taglio/accento un po’ paternalista, soprattutto con i giovani, la trasmissione è piacevole.

https://youtu.be/AC19stB51uE

tra una canzone e un’invettiva e l’altra, sono uscite un paio di perle. una che dopo l’esclusione da sanremo, Marco sarebbe andato da Baglioni a chiedergli spiegazioni, confrontando se stesso con Facchinetti. Marco ha ripetuto diverse volte ‘sta cosa come un mantra alla Sgarbi. e poi sarebbe uscito il prossimo vincitore di sanremo cioè fabrizio moro (ripetuto diverse volte da Red Ronnie). in quel momento, dal mio divano, ho detto: chi è fabrizio moro?

la mia serata si è conclusa con la telefonata tra Marco e Andy, suo compagno nei blu vertigo. poi non ho capito più nulla; Marco aveva ancora troppa energia per le mie forze e sono andato a letto.